Top
Opere in rivolta – MAXXI A[R]T WORK
fade
5638
post-template-default,single,single-post,postid-5638,single-format-audio,eltd-core-1.1.1,flow child-child-ver-1.0.0,flow-ver-1.3.6,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-grid-1300,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-vertical,eltd-sticky-header-on-scroll-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default

Opere in rivolta

Mettiamo caso che, un bel giorno, le opere prendessero vita e decidessero di scappare dal museo, sfidando la sorveglianza e la sirena d’allarme…

 

 

Il gruppo di lavoro formato da Francesco D’Orazi, Lavinia Di Gennaro, Elisabetta Maiolo, Asia Marini, Diego Saja e Denise Zannini si è messo nei panni delle opere esposte nella mostra “Home Beirut. Sounding the Neighbors” e in “The place to be”, ovvero la collezione permanente del MAXXI.

 

Gli studenti del Liceo Artistico Federico Cesi hanno dato voce a “Pillar: Bonne Nuit” di Marwan Rechmaoui, a “A Proposal for a Beirut site Museum” di Walid Raad, a “Collapsing Clouds of Gas and Dust” di Vartan Avakian, “3,24 mq” di Francesco Arena e, a bordo di Senza titolo (aereo) di Paola Pivi, le opere scappano dal museo per una nobile missione.

 

 

 

 

 

 

 

 

Regia e montaggio di Marco Stefanelli.

 

Museo MAXXI
Federico Borzelli

Marketing territoriale e Formazione per il MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo.