Top
La Roma fumettara è al Palazzo delle Esposizioni – MAXXI A[R]T WORK
fade
6813
post-template-default,single,single-post,postid-6813,single-format-standard,eltd-core-1.1.1,flow child-child-ver-1.0.0,flow-ver-1.3.6,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-grid-1300,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-vertical,eltd-sticky-header-on-scroll-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default

La Roma fumettara è al Palazzo delle Esposizioni

La Scuola Romana dei Fumetti è in mostra per raccontare una storia iniziata 25 anni fa

 

Dal 9 novembre 2018 al 6 gennaio 2019, il Palazzo delle Esposizioni ospita “Roma Fumettara”, una mostra che racconta la lunga storia, iniziata 25 anni fa, della Scuola Romana dei Fumetti e le opere di 70 autori raccontano la città di Roma.

Pier Paolo Pasolini di Massimo Rotundo

La lunga storia inizia nel 1993 quando apre i battenti la Scuola Romana dei Fumetti, fondata da un gruppo di autori – Giancarlo Caracuzzo, Paolo Morales, Massimo Rotundo, Stefano Santarelli e Massimo Vincenti – provenienti dalle più diverse esperienze. Sono autori che dagli anni ’70 in poi hanno lasciato il segno e, da docenti, vogliono trasmettere le proprie conoscenze agli allievi attraverso il metodo della “bottega”.

Le opere in mostra esaltano la diversità delle scelte stilistiche e l’alternanza nell’uso delle tecniche, dalle più grafiche alle più pittoriche, fino al digitale.

 

Aldo Fabrizi di Lillo

Oltre a loro la capitale (anche) del fumetto d’autore è la protagonista delle vignette firmate di altri grandi autori, solo per fare qualche nome Attalo e Jacovitti, nomi di punta della seconda stagione della settimanale “Il Travaso delle Idee” – giornale fondato nel 1900 e poi rinato alla fine degli anni ’80 – e quindi Andrea Pazienza, nome mitico dell’altrettanto mitico “Il Male”.

 

E’ nel ventennio che va dall’inizio degli anni ’60 per arrivare alla fine dei ’70 che ritroviamo i maggiori fumettari dell’epoca che, si chiamano e si vogliono far chiamare proprio con questo termine, e non fumettisti per sottolineare la loro identità inevitabilmente legata alla città di Roma.

La mostra “Roma fumettara” è l’occasione ideale per assistere a un viaggio visivo che testimonia il forte legame creativo tra Roma e la sua scuola d’autori.

 

Gabriele D’Ambrosi
Palazzo delle Esposizioni. Via Nazionale, 194, Roma. 

Ingresso gratuito

Museo MAXXI
Federico Borzelli

Marketing territoriale e Formazione per il MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo.