Top
Federico Pedroni – MAXXI A[R]T WORK
fade
4857
professionisti-template-default,single,single-professionisti,postid-4857,eltd-core-1.1.1,flow child-child-ver-1.0.0,flow-ver-1.3.6,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-grid-1300,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-vertical,eltd-sticky-header-on-scroll-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default

Federico Pedroni

RAI CINEMA

Laureato in Letteratura italiana con una tesi su Italo Calvino giornalista, mi sono poi dedicato al cinema, la mia più grande passione.

Lavoro a Rai Cinema e dal 2007 sono selezionatore per il Torino Film Festival.

 

Collaboro e ho collaborato con Cineforum, Duels.it, FilmIdee, Panoramiques/Panoramiche, Quaderni del CSCI, Eidos Cinema, Hollywood Party, Film Tv, Duellanti, The Cinema Show, Total Film Italia, l’Unità, Lo Straniero, Effe, Mucchio Selvaggio.

Ho curato per Feltrinelli due antologie critiche dedicate a Mike Leigh e Aki Kaurismäki. Ho tradotto “Paul Newman. Una vita” per Dalai editore e ho curato, con Emiliano Morreale, l’edizione italiana di “The Story of Film” di Mark Cousins per Bim.

 

Ho scritto saggi apparsi nei volumi Italiana – “Il cinema attraversa l’Italia” a cura di Steve Della Casa; New Hollywood a cura di Emanuela Martini; “Pecore elettriche – La terra vista dal cinema” a cura di Emanuela Martini; “Romanzo popolare – Narrazione, pubblico e storie del cinema italiano negli anni Duemila” a cura di Pedro Armocida e Laura Buffoni; “L’attore nel cinema italiano contemporaneo – Storia, performance, immagine” a cura di Pedro Armocida e Andrea Minuz; “Brian De Palma” a cura di Emanuela Martini.

 

 

Per MAXXI A[R]T WORK ho introdotto la visione di “Zelig” di Woody Allen, un film che ancora oggi è capace di stupire spettatori nuovi (gli studenti) e meno nuovi (me).