Top
Un viaggio tra arte e emozione – MAXXI A[R]T WORK
fade
4954
post-template-default,single,single-post,postid-4954,single-format-standard,eltd-core-1.1.1,flow child-child-ver-1.0.0,flow-ver-1.3.6,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-grid-1300,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-vertical,eltd-sticky-header-on-scroll-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default
galleria borghese pittura

Un viaggio tra arte e emozione

La visita alla Galleria Borghese, in occasione della mostra dedicata a Bernini, l’abbiamo fatta insieme a Sharon Carullo, la storica dell’arte che abbiamo conosciuto meglio proprio girando per il bellissimo museo.

 

Grazie a lei abbiamo scoperto che il museo, anticamente chiamato Villa Borghese Pinciana, raccoglie sculture, mosaici, bassorilievi e dipinti (dal XV al XVIII secolo) appartenuti alla collezione privata di Scipione Borghese.

 

Foto di Alice Musone

 

Nonostante la grande quantità di opere presenti, il nostro percorso si è concentrato soltanto sui lavori di Caravaggio, Bernini e Canova.

 

La visita guidata, a cura del personale della Galleria, è stata interessante e soddisfacente; l’accompagnatrice messa a disposizione dal museo, malgrado le frequenti interruzioni causate dalla presenza di alcuni fotografi impegnati in un servizio per la Treccani, è stata esaustiva e preparata.

 

Siamo rimasti colpiti positivamente sia dalla mostra che dal complesso architettonico: infatti, non solo sono presenti capolavori di inestimabile bellezza e valore, ma anche l’edificio è una vera e propria opera d’arte. Camminare su mosaici antichissimi, in mezzo a colonne ornate in modo sublime e avere come soffitto un vortice di emozioni e colori, rappresentati da affreschi travolgenti, è stato indimenticabile.

In conclusione, è stata un’esperienza che ci ha arricchito e consigliamo vivamente a tutti di andare a visitare questo museo.

 

 

Recensione a cure di: Eleonora Della Prugna, Francesca Corrias, Alice Musone, Matilde Piazza e Lorenzo Polverari.

Liceo Statale I. Kant