Top
Quante storie sul design – MAXXI A[R]T WORK
fade
8316
post-template-default,single,single-post,postid-8316,single-format-standard,eltd-core-1.1.1,flow child-child-ver-1.0.0,flow-ver-1.3.6,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-grid-1300,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-vertical,eltd-sticky-header-on-scroll-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default

Quante storie sul design

Dall’ideazione alla promozione, il design raccontato da chi lo fa, lo promuove e lo vende

 

L’ultimo ciclo di MAXXI A[R]T WORK dell’anno scolastico 2018/19 ha aperto i battenti quando oramai da qualche giorno la scuola era finita.

 

Sfiniti anche gli studenti dell’Istituto S. Giuliana Falconieri e della Scuola Pontificia Pio IX di Roma che hanno, come di consueto per il nostro progetto di Alternanza scuola lavoro, incontrato professionisti e addetti ai lavori.

 

Per questa edizione ci siamo concentrati sul design e sul un settore lavorativo che attira molte persone e che ha tanti possibili sbocchi professionali.

 

La storia del design è tanto affascinante quanto ampia e non è stato facile orientarsi in un ambito che ha tante super star (dal futurista Fortunato Depero e la sua mitica bottiglietta del Camparisoda allo spremiagrumi “Juicy Salif” di Philippe Starck).

 

Tykk design

La carrellata dedicata ai grandi esempi del design internazionale ha citato la Moka Bialetti cosi come le borse di Issey Miyake, le lampade di Castiglioni e le poltrone di Marcel Breur, le pentole a pressione Lagostina senza dimenticare i mitici Ray Ban.

 

Oggetti di uso comune e che conosciamo bene senza però sapere la loro storia.

 

 

E poi al MAXXI i bellissimi divani Moon System, disegnati da Zaha Hadid, sono l’esempio lampante di come un artista possa interpretare e rielaborare con originalità il caro vecchio sofà.

 

Punto di forza dell’edizione di giugno 2019 è stato l’incontro con Alin Costache, fondatore di Wave Market Fair – il primo festival dell’artigianato e del design di Roma – che ha raccontato agli studenti come nasce un progetto di promozione e valorizzazione di un settore così specifico e pieno di tanti talenti emergenti.

Folding Pets

La parola è quindi passata ai designer Pellegrino Cucciniello del brand Folding Pets e al designer Alessandro di Gregorio del brand Tykk design.

 

L’ideazione, la progettazione, la commercializzazione e le promozione di prodotti pensati per il mercato italiano e non solo. Cucciniello e di Gregorio hanno fatto esempi concreti, ci hanno parlato del loro lavoro di designer, dell’allestimento dei loro prodotti in eventi e location particolari, di come funziona il mercato.

 

Come si presenta e si promuove al pubblico un prodotto?

La risposta ce l’ha data Benedetta Urbini, Advertising & Catalog Image specialist di Fendi, grazie alla sua testimonianza gli studenti hanno avuto tutti gli elementi per mettersi alla prova.

 

 

Abbiamo chiesto agli studenti di individuare un oggetto di design tra quelli presenti nelle loro case e la caccia al tesoro ha portato al MAXXI  occhiali da sole, orologi, portauovo, stivali, fermacarte, portachiavi, borse e accendini e gli shooting fotografici realizzati hanno esaltato gli elementi caratterizzanti dei vari prodotti.

 

Si è lavorato avendo ben presente il target di riferimento, proprio come si fa in una agenzia di comunicazione chiamata a promuovere questi oggetti di design.

Museo MAXXI
Federico Borzelli

Marketing territoriale e Formazione per il MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo.