Top
Un letto ideale – MAXXI A[R]T WORK
fade
7758
post-template-default,single,single-post,postid-7758,single-format-standard,eltd-core-1.1.1,flow child-child-ver-1.0.0,flow-ver-1.3.6,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-grid-1300,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-vertical,eltd-sticky-header-on-scroll-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default

Un letto ideale

Siamo sempre stati abituati a concepire un museo come un luogo statico in cui sono presenti solo quadri e statue, ma se invece persino il sonno fosse considerato arte?

 

L’artista Paola Pivi, con la sua istallazione “World Record”, è la causa per la quale ci siamo poste questa domanda.

 

Nell’ultimo piano del Maxxi, di fronte ad una grande vetrata, è troviamo un’istallazione costituita da due distese di materassi, una speculare all’altra, nella quale i visitatori hanno la possibilità di entrare e muoversi liberamente.

 

Grazie alla vetrata posta davanti all’opera, il visitatore può lasciarsi trasportare dalle sue sensazioni (spesso e volentieri tra loro contrastanti).

 

Questa originale opera fa scaturire una sensazione di tranquillità e protezione in quanto il letto stesso è abitualmente un oggetto privo di negatività.

Allo stesso tempo la possibilità di vedere la città dall’interno, circondati dal silenzio della sala crea un contrasto con l’abituale confusione della metropoli.

 

Paola Pivi con World Record offre la possibilità ad ognuno di noi di avere suggestioni differenti. Una bambina ce la descrive come fosse il suo mondo sopra le nuvole nel quale poter giocare e divertirsi, una signora anziana crede sia un posto per rilassarsi e viaggiare con la mente.

 

Grazie a World Record, ognuno può creare una connessione differente, indipendentemente dall’età, con la realtà circostante immaginando e vivendo così una realtà ideale.

 

Chiara Aldi e Francesca Sabelli

Museo MAXXI
Federico Borzelli

Marketing territoriale e Formazione per il MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo.