Top
All’Unione Europea piace MAXXI A[R]T WORK! – MAXXI A[R]T WORK
fade
5810
post-template-default,single,single-post,postid-5810,single-format-standard,eltd-core-1.1.1,flow child-child-ver-1.0.0,flow-ver-1.3.6,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-grid-1300,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-vertical,eltd-sticky-header-on-scroll-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default

All’Unione Europea piace MAXXI A[R]T WORK!

Esperienze di Alternanza Scuola Lavoro”, organizzato al MAXXI dall’Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro, è il titolo di un incontro che ci ha dato la possibilità di presentare MAXXI A[R]T WORK ai referenti dell’ufficio della Commissione Europea che sovrintende il cosiddetto Dual Education.

 

Giulia, Federico, Sharon e Susanna

 

Seduta in prima fila c’è Adelina Dos Reis, capo unità dell’ufficio che da Bruxelles coordina i progetti di Alternanza Scuola Lavoro in tutti i paesi della Unione Europea.

 

 

Oltre alla rappresentanza europea anche Elena Gaudio della Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e per l’autonomia scolastica del MIUR che ha contribuito all’evento dedicato all’Alternanza Scuola Lavoro.

 

Elena Gaudio del MIUR al microfono

 

Agostino Petrangeli, dirigente dell’Area Transizione Istruzione Formazione Lavoro dell’Anpal, e Pieto Barrera, Segretario generale del MAXXI, hanno aperto i lavori introducendo l’argomento.

 

Poi è toccato a noi che, sostenuti dalle testimonianze delle professoresse Marina Bonavia e Claudia Falconi, abbiamo raccontato il progetto di alternanza del MAXXI.

 

 

Le docenti Bonavia e Falconi

Poi è toccato ai ragazzi dire la loro sull’alternanza.

Ognuno a modo suo ha raccontato perché MAXXI A[R]T WORK è diverso dagli altri progetti di alternanza.

 

Chi ha raccontato cosa ha imparato durante la full immersion al museo, chi ha rivelato cosa ha capito del mondo del lavoro grazie agli incontri con i professionisti, altri perché l’esperienza è stata utile e c’è stato anche chi ha annunciato la decisione di non iscriversi a Medicina preferendo, dopo MAXXI A[R]T WORK, la facoltà di Storia dell’Arte!

 

Filippo

 

Tiziano e Samanta del Liceo Artistico Sarandì, Chiara del Liceo scientifico Pasteur, Filippo dell’Istituto Piccole Ancelle del Sacro Cuore, Swami del Liceo classico Virgilio, Chiara del Liceo classico Mamiani, Maria Celeste, Giulia, Maria Vittoria e Silvia del Liceo linguistico Montale sono stati i nostri testimoni diretti e dopo i loro interventi Adelina Dos Reis ci ha fatto i complimenti per la riuscita del progetto che reputa uno dei migliori a livello europeo.

Celeste e Giulia

 

 

 

 

Un ringraziamento speciale va a Nicoletta Arca e Antonio Volpe di Anpal che hanno organizzato l’incontro e all’indispensabile Paola Scamandì di Forma Camera della Camera di Commercio di Roma, senza la quale MAXXI A[R]T WORK non sarebbe possibile.

Museo MAXXI
Federico Borzelli

Marketing territoriale e Formazione per il MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo.