Top
Un click tira l’altro – MAXXI A[R]T WORK
fade
7545
post-template-default,single,single-post,postid-7545,single-format-standard,eltd-core-1.1.1,flow child-child-ver-1.0.0,flow-ver-1.3.6,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-grid-1300,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-vertical,eltd-sticky-header-on-scroll-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default

Un click tira l’altro

Gli studenti dell’Aquila raccontano la loro città con un progetto multimediale fatto di immagini e musica.

 

 

La prima parte di MAXXI A[R]T WORK L’Aquila si è conclusa.

Siamo tornati a Roma felici di aver lavorato con i ragazzi della IV C del Liceo Bafile e della 5 B del Liceo Muzi con i quali, per una settimana, abbiamo esplorato e sperimentato le tante professioni legate al mondo dei Beni Culturali.

Foto di Alessandra De Vecchis

 

Sharon Carullo, Franco De Vitis, Simone Ciglia, Paola Marulli e Gianfranco Fortuna hanno messo a disposizione la loro esperienza e hanno raccontato con passione il dietro le quinte di un settore lavorativo particolarmente complesso come quello dei musei e dei progetti culturali.

 

Foto di Claudia Marsili

 

Dopodiché i ragazzi hanno progettato e realizzato  il reportage fotografico che racconta la città e che verrà allestito all’inizio di aprile all’interno dell’edificio scolastico (nuova opera che si aggiunge alla bellissima collezione di “Polvere negli occhi nel cuore sogni“).

 

 

Aldo, Alessandra, Alessia, Alice, Anna, Beatrice, Chiara, Claudia, Debora, Elena, Francesco, Gianmarco, Giulio, Ilaria, Ilenia, Iuliana, Kevin, Marcello, Mauro, Roberta e Tatiana hanno trovato la chiave giusta per raccontare la loro quotidianità in una città che oggi guarda avanti, ben conoscendo la sua storia fatta di tanta bellezza così come di tanto dolore.

 

 

Il loro obiettivo si è posato su particolari minimi, alla ricerca di tracce che palesano fratture ancestrali, oppure hanno immortalato i panorami mozzafiato delle montagne che abbracciano la città e la luce abbagliante di una giornata di sole.

C’è chi ha dedicato i suoi scatti ai lavori in corso e agli operai, disponibili a donare un sorriso in più, chi invece ha aspettato che la notte avvolgesse il centro storico per baciarsi alla luce di un lampione mentre ombre lunghe fanno compagnia nel silenzio di una città addormentata.

 

La visita a Palazzo Ardinghelli – a cura dell’ingegnere Franco De Vitis – ha permesso di immortalare i preziosi stucchi decorativi. Gli angioletti ancora protetti dai veli aspettano con ansia l’inaugurazione del museo d’arte contemporanea.

Foto di Alice Tartaglia

 

Ma non finisce qui, alle immagini si aggiunge una colonna sonora realizzata appositamente da Giulio e Francesco.

Una viola, suoni catturati tra i vicoli e sonorizzazioni elettroniche, di particolare raffinatezza, danno vita ad un brano che da una marcia in più ad un progetto di alternanza scuola lavoro che ha preso liberamente spunto dal reportage “L’Aquila” di Paolo Pellegrin.

 

Foto di Francesco Capulli

Terminata la prima parte del progetto, ora si procede all’individuazione dello studente che verrà incaricato di realizzare un altro reportage ma questa volta a Brighton, grazie all’accordo con STS Education.

 

Un grazie particolare va alla professoressa Roberta Benedetti e alla preside Sabina Adacher.

Ringraziamo inoltre Lorenzo Santilli, presidente della Camera di Commercio dell’Aquila, Paolo Giovani (sempre della Camera di Commercio), Alessia Di Giovacchino del Comune dell’Aquila, la redazione di LaQtv, tutto lo staff dell’Hotel L’Aquila ma soprattutto Bruno Barteloni.

Museo MAXXI
Giulia Masini

Marketing territoriale e Formazione per il MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo.